L’unico a voler davvero evitare la solfatazione della batteria sei tu.

Non ascoltare tutti quei fuffa guru o tecnici che ti suggeriscono di investire nelle riparazioni e sostengono che una manutenzione straordinaria ti fa andare avanti senza più metterci le mani.

A meno che tu voglia regalare i tuoi soldi, tieniti alla larga.

Ci sono scelte che richiedono tempo per essere prese, questo è assolutamente vero.

Ma non ti puoi bloccare a vita. La paura di sbagliare ti fa sprecare una marea di opportunità.

Hai bisogno di altro. Perché più tempo lasci passare prima di prendere una decisione, più la tua batteria invecchia più frequenti saranno le riparazioni.

Quello che devi fare è capire e conoscere esattamente come anticipare la solfatazione, così da fare sempre la scelta migliore.

Ovvio, non è semplice, ma solo in questo modo puoi veramente avere una flotta di carrelli elevatori elettrici che ti tengono alla larga della spese imprevisti come i guasti delle batterie,  e di incrementare la vita dei tuoi mezzi.

Solo cosi puoi sfruttare al massimo i tuoi carrelli elevatori.

E allora come si fa?

Presto detto, per fortuna abbiamo capito che il problema principale delle batterie è la solfatazione.

La nostra ricerca e sviluppo è riuscita a raccogliere le segnalazioni di guasti più frequenti in grado di bloccare la batteria.

Questo dato è grazie al rapporto speciale con i clienti, che sono riuscito a ottenere tali dati.

Una cartina tornasole del guasto più frequente, è la solfatazione.

Però esistono due tipi di solfatazione, quella esterna che vediamo sui poli, tipo bianca o bluastra che si creare dalla reazione della carica e quella interna che si misura nella resistenza interna.

C’è una bella differenza fra le due cose, perché mentre quella esterna basta pulire i poli e si elimina, quella interna non è così semplice da eliminare.

La solfatazione interna è molto dannosa per la durata e le prestazioni della batteria e deve essere rimossa al più presto per ottenere una capacità ottimale delle batterie.

Inoltre c’è una grande difficolta a scovare la solfatazione interna perché non è visibile da ispezioni esterne ma può essere misurata solo dalla resistenza interna.

Maggiore è la resistenza interna, maggiori sarà la solfatazione interna.

Quando si crea la solfatazione?

La solfatazione della batteria si presenta quando la batteria è sottocaricata o spesso privata di una carica completa.

Infatti, ogni volta che non completi una carica, devi sapere che si aggiunge alla piastra i solfati. 

È normale che in una batteria si formino piccoli cristalli di solfato durante il suo utilizzo. Questo è normale e non danneggia la batteria.

Tuttavia, se la batteria non viene regolarmente caricata completamente, il solfato di piombo amorfo si converte in un cristallino che è più stabile e si deposita sulla piastra negativa.

Questo tende a crescere come tutti i cristalli di sale e impedisce al materiale attivo di partecipare completamente alle reazioni della batteria.

La solfatazione interna delle batterie?

La solfatazione interna della batteria si crea in particolare nella piastra negativa, è la causa principale della perdita di autonomia della batteria.

Il solfato di piombo è leggermente solubile in acqua (45mg/lit) e la solubilità diminuisce con l’aumentare della concentrazione di acido sopra 1,05 sp.gr.

Il solfato di piombo si dissolve continuamente e si riprecipita in un equilibrio dinamico con le specie dissolte. Se la batteria rimane ferma per un lungo periodo, quindi la batteria è inattiva, ad una temperatura elevata, questo può portare il solfato di piombo finemente diviso a formare una forma cristallina dura e incrostata.

Una batteria scarica soffre di più la solfatazione.

La dimensione del solfato di piombo “a batteria carica” è di circa 1μm, dopo 8 giorni di stoccaggio la dimensione diventa 5 μm e dopo 5 mesi a 10 μm. I cristalli più grandi non si ricaricano facilmente, con conseguente perdita di capacità.

Questa formazione irreversibile di solfato di piombo grosso, duro e incrostato è chiamata solfatazione.

È Questo il tipo di solfato di piombo che fa aumentare la resistenza interna della batteria.

I sintomi della solfatazione della batteria?

  • Caduta della capacità della batteria
  • Caduta della densità dell’elettrolito
  • Tensione di carica più alta e scarsa accettazione della carica
  • elettrolisi precoce
  • Ingrossamento del materiale attivo e spargimento di pezzi
  • Scolorimento delle piastre e sensazione di sabbia al tatto

Ovviamente tutte queste informazioni dovrai farle tue…non puoi certo diventare una specie di soldatino. Ma tranquillo, nella consulenza dedicata ti spiegherò ogni passaggio per creare un sistema operativo adatto alla tua batteria.

La paura di prendere una decisione non deve far più parte di te… quindi scarica la guida per come gestire la desolfatazione.

Ottieni subito la tua copia cliccando qui…

…oppure clicca qui per prenotare la tua consulenza dedicata alla gestione della batteria del carrello elevatore.


0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.