1. Divieto di fumo, scintille, fiamme libere o saldatura in prossimità della ricarica degli accumulatori
    Può sembrare leggermente ovvio, ma avere una fiamma nuda o una scintilla libera vicino a una stazione di ricarica di accumulatori piombo acido è un grande rischio di innesco, che potrebbe causare una grave esplosione.
  1. Apertura coperchio
    Assicurarsi che il coperchio dell’accumulatore sia aperto durante la ricarica, poiché l’accumulatore emette idrogeno gassoso durante la ricarica è necessaria un’adeguata ventilazione per disperdere il gas, altrimenti può accumularsi in alta concentrazione e diventare un rischio di innesco. L’apertura del coperchio dell’accumulatore fornirà una ventilazione sufficiente.
  1. Tappi di sfiato
    I tappi di sfiato hanno le proprie prese d’aria per consentire al gas di fuoriuscire. Se i tappi sono aperti o rimossi, sulla parte superiore dell’accumulatore, si formeranno goccioline di acido e acqua causando cortocircuiti elettrici alle celle e al cassone dell’accumulatore. Ciò può portare a problemi difficili da rintracciare sul carrello elevatore.
  1. Scollegare l’accumulatore
    È imperativo che tutti i caricabatterie siano spenti prima di scollegare la spina dell’accumulatore poiché l’energia in tensione può scintillare e diventare una fonte di innesco. 
  1. Scollegamento accumulatore
    Non scollegare mai la spina dell’accumulatore tirando i cavi, tieni sempre la spina. Scollegare la spina tirando dai cavi dell’accumulatore alla fine danneggerà i cavi. 
  1. Consentire sempre al caricabatterie di completare il ciclo di carica
    Scollegare l’accumulatore prima che un ciclo di carica sia terminato, quando si utilizza un caricabatterie di tipo standard, può danneggiare le prestazioni dell’accumulatore, riducendo così la durata complessiva dell’accumulatore. La ricarica bilanciata è possibile quando il caricabatterie appropriato viene fornito con l’accumulatore. Parla con il nostro team di vendita per maggiori informazioni. 
  1. Assicurarsi che la parte superiore dell’accumulatore sia pulita e asciutta in ogni momento
    È imperativo che la parte superiore dell’accumulatore sia pulita e asciutta in ogni momento, altrimenti se si bagnasse quando è in carica sussiste il pericolo di folgorazione. L’accumulatore si auto-scarica anche a causa del tracciamento della tensione. Ciò può portare a una condizione di accumulatore scarico quando si riavvia dopo periodi di fermo prolungato. Avere punti di ricarica puliti garantisce anche che venga mantenuta una connessione corretta e che l’accumulatore si carichi correttamente. 
  1. Non scaricare mai l’accumulatore al di sotto dell’20% della sua capacità nominale
    L’accumulatore di trazione piombo acido è classificata a 1500 cicli modello standard o 1800 cicli piombo evoluto, all’80% di profondità di scarica. Quando l’accumulatore è scarico oltre l’80% l’aspettativa del ciclo di vita è significativamente ridotta, invece di durare almeno 5 anni (turno singolo, funzionamento 5 giorni alla settimana), l’accumulatore può arrivare a durare solo 2 anni. La scarica eccessiva causa anche problemi elettrici con il carrello elevatore, surriscaldamento dei circuiti elettrici, fusibili ad arco ecc. In alcuni casi, il caricabatterie non riconoscerà l’accumulatore per una ricarica e avrai bisogno di costose riparazioni dell’accumulatore.
  1. Consentire sempre un periodo di raffreddamento appropriato per l’accumulatore
    Un periodo di raffreddamento proposto (almeno 1 ora di tempo) deve essere osservato, poiché la temperatura dell’accumulatore aumenta durante la ricarica. Utilizzare l’accumulatore quando è caldo può diventare un potenziale pericolo, inoltre riduce significativamente la durata dello stesso.

  2. Ispezione accumulatore
    Prima di ogni carica deve essere condotta un’ispezione approfondita per garantire che sia completata una carica corretta. Le apparecchiature danneggiate, quali cavi, fusibili, ecc. possono causare guasti all’interno del processo di ricarica.
  1. Se nessuna carica di equalizzazione è automatica, assicurarsi che l’accumulatore sia equalizzato almeno una volta al mese
    L’accumulatore è composto da più celle da 2 V collegate tra loro per ottenere una tensione richiesta di 24 V, 36 V, 48 V ecc. Ognuna di queste celle è singola, caricano e scaricano a velocità diverse. Dopo un periodo di tempo, ti ritroverai con tensioni variabili in cui alcune celle sono cariche al massimo, alcune mezze cariche e alcune piatte. Se questo non è controllato, l’accumulatore si guasta presto. È qui che entra in gioco la ricarica equalizzata. A seconda dell’applicazione di lavoro, i requisiti di equalizzare saranno diversi. Una carica di equalizzazione viene programmata in un periodo di tempo dopo che una carica completa è stata completata, di solito nel fine settimana. Una carica di corrente bassa si stabilizza per un determinato periodo di tempo. Viene utilizzata, una bassa corrente, in modo che le celle completamente cariche non vengano sovraccaricate troppo mentre le celle basse vengono recuperate.
  2. Rabbocca l’acqua solo una volta che l’accumulatore è completamente carico
    Durante la scarica l’elettrolita viene assorbito nelle piastre, questo effetto viene invertito quando l’accumulatore è carica. Se l’accumulatore viene rabboccato in qualsiasi momento diverso da quello completamente carico, si rischia che dall’accumulatore fuoriesca, l’elettrolita, acidificato durante la carica. Il motivo per cui si rabbocca l’accumulatore è quello di integrare il liquido che è evaporato durante i cicli di carica. Si consiglia di rabboccare l’acqua ogni 5 ricariche.

0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.